13 Aprile, Workshop “Banche salvate, cittadini condannati”

Salone della Giustizia

Workshop “Banche salvate, cittadini condannati“: domani l’intervento di Gianpiero Samorì

Giovedì 13 aprile, Roma Eur – Salone delle Fontane, sala Cassarà

È previsto per domani giovedì 13 aprile a Roma (Eur, Salone delle Fontane) a partire dalle ore 15, l’intervento di Gianpiero Samorì, presidente MIR (Moderati in Rivoluzione), nell’ambito del Workshop “Banche salvate, cittadini condannati” all’interno del Salone della Giustizia a Roma Eur. Il Salone della Giustizia, giunto alla settima edizione, si distingue come particolare e articolata occasione di pubblico incontro tra avvocatura, magistratura, professioni e politica.

Secondo Samorì, una politica di gestione delle banche più attenta alle esigenze dell’economia reale è indispensabile. A prescindere dagli errori commessi dal sistema bancario e degli enormi privilegi di cui ha goduto e di cui in parte ancora gode la casta di banchieri, è indiscutibile che l’assenza di adeguati capitali per gli istituti di credito impedisce a intere generazioni giovani di poter diventare imprenditori, producendo a distanza di 20 anni avanti una desertificazione imprenditoriale dell’Italia che lavora.

Occorre perciò da subito, alternativamente, o istituire una banca pubblica che abbia come unica funzione l’erogazione del credito ai meritevoli a prescindere dal loro patrimonio, o quantomeno assicurare la sospensione delle regole di Basilea 3 fino alla fine della crisi per le aziende con un fatturato annuo inferiore ai 5 milioni di euro. Inoltre l’introduzione del bail-in, che ha consentito anche retroattivamente di azzerare gli investimenti obbligazionari, deve essere corretta da un obbligo di massima trasparenza. Le Autorità di vigilanza devono rendere pubblici i risultati delle ispezioni per consentire ai risparmiatori di poter orientare consapevolmente le scelte di investimento.
L’intervento sarà trasmesso in diretta sulla pagina facebook www.facebook.com/1GianpieroSamori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *